Un'Epifania con la famiglia dei Boyle Harmony Gospel Singers in passerella domani nella suggestiva cornice della Cattedrale di Santa Maria Assunta.

Betty Paraboschi - Libertà 5 gennaio 2012

Gospel Fest 2011 - Libertà 5 gennaio 2012Si affida a una famiglia di grande talento e al suo sound che si rifà alle suggestioni dei quartetti degli anni Cinquanta e Sessanta il finale del Gospel Fest: saranno infatti i The Boyle Harmony Gospel Singers a chiudere la manifestazione

organizzata dalla cooperativa Fedro con un concerto in programma domani sera alle 21.30 nella suggestiva cornice della Cattedrale di Santa Maria Assunta di Bobbio (per le prevendite dei biglietti è possibile rivolgersi a Milano Assicurazioni di Nicoletta Guerci in Contrada di Porta Nova, 14 a Bobbio; per info il numero da chiamare è             0523-936274      . Ingresso gratuito per bambini fino a 10 anni accompagnati da un adulto).
Fondato nel 1996 da Larry Williams, The Boyle Harmony Gospel Singers è un gruppo che del suo grande talento musicale ha fatto «un affare di famiglia»: Larry Williams Sr., Larry Williams Jr. Barbara Williams, Zynphthia Williams, Whitney Nelson e Jermel Williams sono gli attuali componenti del complesso che all'attivo vanta numerose esperienze.
Radicati nella ricca tradizione del repertorio gospel e affezionati alla sacralità che caratterizza il bacino musicale del Mississippi, The Boyle Harmony Gospel Singers propone nelle sue esibizioni un accattivante mix di novità e tradizione: proprio questo meraviglioso impasto sonoro fra "vecchio" e "nuovo" è lo strumento attraverso il quale il complesso crea un sound distintivo e autentico, le cui influenze si rifanno ai quartetti degli anni Cinquanta e Sessanta come i The Jackson Southernaires e i Pilgrim Jubliees.
Nel corso degli anni il gruppo si è esibito con famosi artisti tra i quali proprio The Pilgrim Jubilees, ma anche Spencer Taylor & The Highway Q. C's, Ricky Dillard & New Generation, The Christianaries, Kurt Carr, Angelia Spivey, Rance Allen, Vickie Winans, Kim Burrell, Richard Smallwood, Donald Lawrence, Byron Cage, Bishop Paul S. Morton e molti altri. Mai tuttavia The Boyle Harmony Gospel Singers era approdato in Italia: lo fa per la prima volta ora grazie all'impegno di Fedro e proprio nel capoluogo dell'alta Valtrebbia che in questi anni ha ospitato diversi appuntamenti del Gospel Fest.
Del resto il "matrimonio" fra la Valtrebbia e Fedro va avanti a gonfie vele da qualche anno e non sembra destinato a finire: proprio nell'edizione di quest'anno infatti già un altro concerto, quello delle Black Voices, si è svolto a Travo, mentre per la conclusione della manifestazione si è scelta come location la cittadina che è a tutti gli effetti la "capitale" della Valtrebbia.

Ultimo aggiornamento (Domenica 08 Gennaio 2012 09:01)