Venerdì Bibb e Astner in Santa Maria di Campagna. Due date a Fiorenzuola e Travo per le Black Voices

Di Paolo Schiavi - Libertà 3 dic 2011

Pagina Libertà 3 dic 2011Il Gospel fest 2011 è in rampa di lancio e allarga il suo cartellone. Venerdì 9, nella basilica di Santa Maria di Campagna alle ore 21.15, a tagliare il nastro della quarta edizione della fortunata rassegna organizzata da Cooperativa Fedro sarà il folk-blues del grande chitarrista newyorkese Eric Bibb,

autentico depositario della musica tradizionale americana, in concerto in duo con il chitarrista Staffan Astner.
In questi giorni, intanto, continuano le prevendite (online sul circuito Green Ticket e presso Alphaville, Fahrenheit 451 e DiskJockey 70) dei biglietti per i concerti già annunciati: l'imminente live di Bibb, l'altro evento speciale - "Ian Anderson plays the Christmas Jethro Tull for benefit", concerto di beneficenza in trio (con i fedeli John O'Hara e Florian Opahle e un programma incentrato su brani tradizionali natalizi della cultura anglosassone, rivisitazioni tulliane e pezzi sinfonici) mercoledì 21 nella basilica di San Sisto - e la performance dell'ensemble vocale Joyful Gospel Singers, originale e dinamica formazione composta da alcuni fra i migliori cantanti provenienti da gruppi e corali gospel delle chiese battiste di New Orleans, in programma la notte di Natale, il 25, sempre in Santa Maria di Campagna.
Dall'altro lato, il programma del Gospel fest si va ampliando e definendo. Fanno così ingresso due ospiti nazionali di rango: il grande flautista emiliano Andrea Griminelli e l'eclettica e intensa cantautrice siciliana veneta d'adozione Patrizia Laquidara, invitati speciali sul palco dal folletto dei folletti Ian Anderson la sera del 21. Una lieta novella, perché gli artisti in questione meritano parecchia attenzione. Griminelli è stimato e conosciuto in tutto il mondo grazie anche alle collaborazioni con artisti come Pavarotti, Elton John e Andrea Bocelli; il New York Times l'ha inserito fra gli "otto artisti emergenti degli anni ‘90" e gli è stata conferita l'onorificenza di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana. La Laquidara, invece, fresca del Premio Tenco 2011, ha imparato a farsi conoscere ed amare dal pubblico italiano grazie a diversi progetti in bilico tra musica, poesia e teatro e ritorna a Piacenza dopo il bel concerto di questa estate a Palazzo Farnese.
Ma ad entrare in cartellone sono anche le inglesi Black Voices, uno dei più famosi ed amati quintetti femminili di musica nera, protagoniste di ben due date in provincia: sabato 17 dicembre a Fiorenzuola in pomeridiana, alle 15.30 nella Collegiata di San Fiorenzo (con ingresso gratuito grazie alla partecipazione dei commercianti e dell'assessorato al commercio), e venerdì 23 a Travo nella serata dell'ante-vigilia, nella bellissima chiesa parrocchiale del borgo alle ore 21.30. Per questa seconda data, grazie al contributo del Comune di Travo, l'ingresso costerà 10 euro (gratuito per i bambini; biglietti in loco la sera stessa)
Nate nella zona di Birmingham alla fine degli anni ottanta, le Black Voices hanno accarezzato con le loro voci tutti le sfumature della musica nera, dal blues al jazz, dal calypso al reggae, fino ad arrivare chiaramente al gospel. Basandosi sui ritmi tradizionali provenienti dell'Africa nera, ma anche sui ritmi caraibici più vicini alle loro tradizioni familiari, le Black Voices, che hanno avuto l'onore di esibirsi per Nelson Mandela, Ray Charles, Phil Collins e addirittura per la famiglia reale inglese al completo, compresa la compianta principessa Diana, hanno composto numerosi pezzi originali improntati alla modernità, sulla rivisitazione in chiave contemporanea della tradizione più pura. Come per molti artisti neri, i primi approcci delle artiste che fanno parte della Black Voices con la musica sono legati alla Chiesa, e come è naturale il gospel continua a ricoprire un ruolo essenziale nei loro concerti dal vivo, in cui trovano spazio, accanto agli spirituals, anche brani di folk contemporaneo.

Ultimo aggiornamento (Sabato 03 Dicembre 2011 11:59)